Un sogno che (forse) s’avvera…

Postato il

Fin da quando ho imparato a leggere, anzia anche da prima grazie a mamma e papà,

sono sempre stata una divoratrice di libri, di ogni tipo, forma e colore.

Papà e mamma me li leggevano prima di addormentarmi, papà sopratutto. Con lui avevo raggiunto un patto: alternavamo i volumoni di una imponente saga di Candy Candy, ai romanzi del ciclo dei pirati di Salgari (io ovviamente ero il fido Yanez).

Dopo i sei anni ho cominciato a fare da sola e allora mamma ci ha tesserate alla biblioteca comunale del mio paesino: 3 libri a testa per volta, tempo un mese per leggerli tutti.

Man mano che crescevo anche la mia voracità libresca andava aumentando e così spesso prendevamo 1 libro per lei e 5 per me. Poi quando è arrivata la tessera del mio fratellino (abbiamo 8 anni di distanza) sono stati 7 libri per me e 2 per loro (lui non ha mai condiviso quasta grande passione, sebbene abbiano provato a usare lo stesso metodo).

Quando non andavamo assieme, era mamma a scegliere per me, privilegiando tra i consigli della bibliotecaria e il suo estro quei volumi che apparivano più voluminosi, per riuscire a tenermi occupata per il maggior numero possibile di sere.

Tutt’ora non riesco a dormire senza aver letto almeno una riga (a parte quando sono assieme al mio adorato Tino, allora basta la stretta delle sue braccia e il suo respiro a farmi scivolare nel sonno) anche quando sto crollando dal sonno.

Il piacere che mi deriva dallo scorrere veloce gli occhi sulle righe, lasciare che la fantasia galoppi e costruisca il mio film privato, tutto mio…

Le poche persone che mi hanno osservata mentre leggo un romanzo che davvero mi piace e m’appassiona (quando succede leggo dappertutto, nella foga di continure a vedere la storia dipanarsi sotto i miei occhi) dicono che sembro in trance, anche lo sguardo cambia e quasi non sento i rumori e le voci che mi circondano

Leggo di tutto, nessun genere mi è intollerabile, tranne forse l’horror o cosa del genere…

Per questo mio insaziabile appetito, oltre che i miei genitori, devo ringraziare una mia maestra elementare, la mia maestra preferita: Roberta Regini. Dalla prima alla quinta elementare era perte del suo programma di insegnamento, passare almeno due ore ogni settimana a leggere ad alta voce a noi bambini le pagine di un romanzo.

La sua voce così calma e tranquilla e quelle ore di puro relax, non condizionato da compiti o impegni, sono momenti che mai dimenticherò. Dalla quarta elemntare poi le maestre crearono uno spazio speciale in classe dedicato ai libri e alla lettura, con delle poltroncine, una piccola libreria e dei cuscini ed era lì che lei ci leggeva i suoi libri anche quando oramai eravamo grandicelli.

E ora, forse, con un po’ di fortuna, potrò realizzare quello che era il mio sogno di bambina: mentre la maestra leggeva io sognavo di diventare libraia e vivere sempre in mezzo ai libri.

Ecco, più modestamente dalla metà di settembre potrei trovarmi a lavorare in una libreria…

Che ne dite meglio i libri o il gelato di grom?

Io credo di preferire i primi,  la mia golosità in quel campo è sempre la maggiore 😛

Per la cronaca, ultimi libri letti:

1. Causa di Morte, Patricia Cornwell (ho finito di ri-leggerlo sta notte all’una credo)

2. Tutto il pane del Mondo, Fabiola De Clerq (per un’amica in difficoltà)

3. Ines dell’anima mia, Isabel Allende (adoro gli scrittori sudamericani)

4. Quella sera dorata, Peter Cameron (poetico)

5. Prime Donne, Ritanna Armeni (politico)


2 thoughts on “Un sogno che (forse) s’avvera…

  1. Direi che leggere un buon libro mangiando un buon gelato sia il massimo!
    Di Isabel Allende hai mai letto Afrodita? Secondo me uno dei suoi libri migliori.

  2. Non l’ho mai letto,
    di lei ho letto proprio poco, confesso la mia ignoranza 🙂
    Ma dato che me lo consigli, non mancherò!
    Anche perchè ho la tessera della iblioteca completamente sguarnita 😛

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.